I Millennials e il Travel: 4 caratteristiche

  • Home
  • I Millennials e il Travel: 4 caratteristiche

I Millennials sono un target molto proficuo per il settore Travel. Con i mezzi che hanno, il denaro e la voglia di girare il mondo, sono destinati a diventare il target più spendente del settore entro il 2020.

Tuttavia, questi giovani esploratori sono un gruppo complesso, con una serie di caratteristiche uniche che li distinguono dagli altri, in contrasto forte con le generazioni passate. Ed è proprio su queste caratteristiche che i brand del Travel devono lavorare per farsi notare dai Millennials, e trarre il massimo vantaggio da questo target promettente, redditizio e in forte crescita.

In questo blog, esploriamo le 4 caratteristiche chiave dei Millennials, e scopriamo come i brand possono sfruttarle per adattare le loro strategie di marketing.

1. Cercano risposte immediate

I Millennials sono la prima generazione completamente Digital. Cresciuti con Internet e smartphones, sperimentano e si aspettano una risposta immediata dal Digitale. Sono la generazione "tutto subito".

La stessa urgenza si manifesta nel mondo dei viaggi. In ogni step dell'online journey, dalla navigazione esplorativa, alla prenotazione della vacanza perfetta, i siti di viaggi devono assicurarsi di avere una User Experience semplice ed efficiente. Il sito deve caricarsi rapidamente, la navigazione deve essere facile e il processo di prenotazione breve.

Con il 42% dei clienti che si aspettano una risposta alla loro ricerca sui Social Media nel giro di un'ora, è opportuno anche rispondere alle domande dei consumatori in un tempo ragionevole. Ogni volta che la User Journey rallenta per qualunque motivo, c'è la possibilità che il Millennial abbandoni il sito.

2. Sono molto attivi su Mobile

Circa il 50% dei Millennials usa Internet da Mobile per 4 ore al giorno, durante la settimana. E non lo utilizzano solo per scorrere Facebook o giocare a Angry Birds, ma si avvalgono della rete in ogni step del processo di prenotazione dei viaggi.

  • Fase 1: RicercaUfficio, Riunione, Partner Commerciali, Cooperazione

Nel 2014, il 74% dei Millennials ha utilizzato uno smartphone o un tablet per cercare info sui viaggi.

  • Fase 2: Prenotazione

Le previsioni dicono che il 30% delle prenotazioni online verranno effettuate da Mobile entro il 2017, e i Millennials contribuiranno per buona parte.

  • Fase 3: Condivisione

Il 42% dei Millennials ha ammesso che le foto delle vacanze postate dagli amici hanno contribuito ad influenzare le loro scelte di viaggi - in contrasto con il 29% della Generazione X e il 16% dei Baby Boomers.

Un sito ottimizzato per mobile quindi non è più un'opzione, è cruciale. Senza ciò, i brand del travel si perdono una grande fetta di potenziali clienti e quindi di fatturato.

3. Si aspettano ed esigono personalizzazione

In uno studio di Mintel, il 60% dei Millennials si dichiarano disposti a fornire dettagli sulle preferenze personali per ricevere in cambio contenuti di marketing interessanti e in linea con il loro profilo - aggiungendo un altro 30% se in cambio ci sono codici sconto. Nel segmento dei Baby Boomers, la percentuale è solo del 13%.

Questa ricerca dimostra quanto i Millennials siano più sensibili alla personalizzazione rispetto agli altri target, ma anche più esigenti. Niente di più controproducente, quindi, di una pubblicità poco interessante o fuori target. I player del travel devono quindi adattare le loro strategie a questa esigenza, per erogare campagne mirate e data-driven, in Prospecting e avvalendosi di canali come email; coinvolgimento onsite; retargeting etc.

4. Valorizzano molto i contenuti generati dagli utenti (UGC)

In media, un Millennial consulta 10.2 fonti diverse prima di prenotare. Alcune di queste fonti influenzano la sua scelta più di altre.

millennials Solo il 4% dei Millennials è influenzato dagli esperti del settore - 3 volte di meno rispetto ai Baby Boomers (52-70 anni). Invece, sono i contenuti generati da altri utenti che influenzano per la maggiore le scelte dei Millennials. Per UGC si intendono contenuti su Blog, Forum, Social Media. Fondamentalmente sono generati da altri utenti che non traggono alcun vantaggio economico dalla promozione del prodotto/servizio, e sono quindi ritenuti più oggettivi, imparziali e affidabili.

Come risultato, il 32% dei Millennials sostiene di non prenotare alcun alloggio senza aver prima consultato gli UGC. Inoltre, il 40% utilizza UGC per informare gli amici dei suoi viaggi. Per utilizzare strategicamente queste informazioni, i brand del Travel dovrebbero:

  • Assicurarsi di essere presenti sui maggiori siti di recensioni come TripAdvisor o Yelp;
  • Avere una pagina Facebook attiva e dalla quale gli utenti possono contattare la struttura e lasciare commenti;
  • Avere lo spazio per le recensioni e i commenti sul sito.

Una volta comprese le caratteristiche tipo dei Millennials, i brand possono adottare strategie di marketing ad hoc e raggiungere così questo segmento di utenti molto forte e importante. In questo modo, aumenteranno il traffico del sito, miglioreranno la User Experience e avranno anche un guadagno economico.

Blog, Booking, Brand Building, consumer experience, Customer Retention, Migration, Millennials, Mobile, online, personalizzazione, prenotazioni online, travel, Travel & Leisure, UGC, user-generated content, UX, viaggi

Posted by Enrico Gorgoglione

Comments

Search

Browse categories

Popular Posts