Scenari e-commerce, la geografia italiana in infografica

  • Home
  • Scenari e-commerce, la geografia italiana in infografica

Il mercato dell’e-commerce italiano trova terreno fertile nelle province più piccole d’Italia: più Verbania di Milano, più la Valle d’Aosta della Lombardia. Il settore degli acquisti online ogni anno cresce a due cifre, ma vale “solo” 20 miliardi di euro, poco più del 5% dei consumi totali degli italiani nel comparto retail. La distanza nei confronti delle nazioni come Germania e Gran Bretagna è siderale, e giustifica anche le potenzialità inesplorate del mercato e-commerce.

Le caratteristiche degli e-commerce italiani e dei loro acquirenti sono sui generis, differenti dai dati provenienti dalle altre nazioni europee soprattutto per quel concerne città e regioni con la maggiore propensione alla spesa. In termini assoluti, il maggior numero di abitanti “premia” regioni come Lombardia, Lazio, Piemonte e Veneto, ma in proporzione acquista di più la Valle d’Aosta, che performa meglio di Liguria, Piemonte e della sorprendente Basilicata.

Su base provinciale, secondo i dati forniti da Alkemy, Verbano produce 70 acquisti ogni mille abitanti, battendo Savona, Sondrio e Aosta. Più distante Milano, l’unica metropoli tra le prime 15 in classifica. Il trend delle città più piccole è giustificato dalla minor proposta di marchi e negozi fisici, che spingono i clienti a preferire gli e-commerce online.

Nessuna sorpresa per quel che riguarda la preferenza degli utenti, che acquistano maggiormente il lunedì. Esperti e analisti sostengono che questa scelta sia legata alla valenza dello shopping, inteso come forma di anti-stress in vista di una lunga settimana di lavoro, o anche alla funzionalità dell’acquisto. Il fine settimana è infatti destinato ad attività di tutt’altro tipo, e durante il primo giorno lavorativo si acquista gran parte dei prodotto che saranno utilizzati nel corso della settimana. In merito agli orari, gli italiani preferiscono la pausa pranzo: tra le 12 e le 15, probabilmente dall’ufficio, si effettua il 22% degli acquisti digitali. Per questo motivo, gli acquisti da desktop hanno un peso specifico non indifferente e surclassano ancora il mobile, mentre nel fine settimana smartphone e tablet vincono la concorrenza dei computer per gli acquisti. Per spiegare il trend nazionale, il team di Ve Interactive Italia ha elaborato un’infografica che riassume l’andamento di settore.

 

Blog, Business Strategy, conversioni, Digital, E-Commerce, Improving Conversions, Industry news, Uncategorized, Ve Interactive

Posted by Enrico Gorgoglione

Comments

Search

Browse categories

Popular Posts