Blog.

Ultimo post pubblicato

Disintermediazione nel mondo travel, il successo passa dalla user experience

Enrico Gorgoglione10-lug-2017 9.21.52

L’arrivo della stagione estiva e dei giorni più caldi coincide con il periodo più importante anche per il comparto hotellerie. Secondo lo studio Hotel & Chains in Italy 2017, realizzato da Horwath HTL in collaborazione con STR e Confindustria Alberghi, su territorio nazionale sono a disposizione 1,1 milioni di camere per un totale complessivo che supera le 33.000 strutture alberghiere. Questi numeri confermano l’Italia tra le prime nazioni in Europa, alla pari con Regno Unito e Germania, ma il confronto non regge per numero di strutture appartenenti alle catene alberghiere, visto che i dati si attestano ad un esiguo 4,2%. Hotel & Chains conferma la crescita della proposizione alberghiera nazionale, ma a fronte di questi segnali, aumenta anche la dipendenza dalle agenzie. Che si tratti di intermediari online o offline, i numeri diretti degli hotel non soddisfano ancora appieno. Da tempo si parla di disintermediazione: è questa l’arma in possesso delle strutture ricettive per puntare ad un guadagno migliore. I colossi del settore (OTA) come Booking, Expedia e TripAdvisor garantiscono infatti numeri importanti e aiutano hotel e resort a riempire le stanze, nonché ad ottenere recensioni da parte degli utenti, ma le percentuali di commissione tra il 15 e il 20% suggeriscono alle strutture di cercare strade alternative attraverso il proprio booking engine. L’arma in più delle OTA è l’investimento nella user experience, che si ripercuote positivamente nella fase di prenotazione con un marketing fortemente personalizzato, ed è questo che consente alle agenzie di ottenere il 74% delle prenotazioni indipendenti come confermato da Phocuswright.

Ultimo post pubblicato

Ve Academy: sinergia IAB-Ve Italia per migliorare le “Digital skills”

Enrico Gorgoglione12-giu-2017 15.38.07

Ve Interactive non vuol dire solo tecnologia. È una company internazionale basata innanzitutto sul talento dei propri dipendenti, dalle potenzialità che ogni componente del team esprime al massimo ogni giorno. Per questo motivo, la formazione gioca un ruolo importante negli uffici che Ve ha aperto in tutto il mondo. Si formano i dipendenti, per educare al meglio il mercato e per rapportarsi al meglio con le esigenze dei clienti. Dall’Italia è partita l’idea assolutamente innovativa di collaborare con l’ente associativo più importante presente sul territorio e operante nella galassia digitale, ossia IAB, per strutturare la VeAcademy. Un’iniziativa che ha coinvolto tutti i dipendenti di Ve Italia, che si sono confrontati con una serie di argomenti inerenti alle cosiddette “Digital Skills”.

Ultimo post pubblicato

What about last event: Netcomm Forum e le tecnologie di Ve Interactive

Enrico Gorgoglione23-mag-2017 10.42.47

La dodicesima edizione del Netcomm Forum è stata archiviata con grande soddisfazione da tutti coloro che hanno varcato l’ingresso dell’area espositiva MiCo di Milano alla ricerca di business, formazione e networking. L’evento più importante in ambito e-commerce e digital transformation ha fatto registrare un incremento delle visite del 18%, per un totale di 11.800 presenze.

Ultimo post pubblicato

What about last event: Programmatic Day e i modelli di attribuzione

Enrico Gorgoglione19-apr-2017 13.36.03

Come ogni anno, il Programmatic Day ha aperto le porte a tutti i player del mondo tecnologico, analizzando i trend di mercato e le opportunità. Sono differenti i topic sviluppati in merito all’attribuzione, ai vari approcci e alle preferenze verso l’omnicanalità. Lato cliente, AdRoll ha evidenziato, al termine di uno studio condotto tra oltre 1000 realtà aziendali europee e del Nord America, che la corretta attribuzione delle conversioni è considerata una tematica di forte impatto per la maggior parte dei brand. A fronte di una crescita esponenziale delle tecnologie e degli strumenti, salgono di pari passo sia il knowledge che la consapevolezza degli attori principali del mercato nazionali. In questo senso, le company digitali devono soddisfare il bisogno del cliente, proponendo soluzioni misurabili sui differenti canali e con i vari player.

Ultimo post pubblicato

VePanel, i risultati generati nel mercato digitale italiano

Enrico Gorgoglione10-apr-2017 11.19.36

All’alba del 2017 le piattaforme online sono strategicamente importanti per prodotti e servizi di ogni brand. I provider tecnologici sono all’incirca 3500 e alimentano un immenso mercato digitale. La possibilità è quella di vendere, potenzialmente in tutto il mondo, a qualsiasi ora del giorno e della notte: non esistono più barriere spazio-temporali. Per gli utenti online, l’offerta è praticamente infinita. Un’indagine svolta su oltre 2500 e-commerce mostra che in media solo 1 utente su 100 acquista: ne deriva una dispersione superiore al 90%.

Ultimo post pubblicato

Gli e-commerce e la crescita in Italia

Enrico Gorgoglione7-mar-2017 8.29.05

Venti milioni di acquirenti online, quasi mille euro all’anno di spesa per un totale di 20 miliardi di euro di valore delle transazioni. Sono questi i numeri degli e-commerce in Italia, enunciati da Roberto Liscia, presidente di Consorzio Netcomm. Se si raffrontano i dati del 2016 con quelli di 12 mesi fa, si può notare una crescita sostanziale del settore su tutti i fronti, ma le medie sono ancora molto distanti con quanto si registra nel resto d’Europa.

Ultimo post pubblicato

Scenari e-commerce, la geografia italiana in infografica

Enrico Gorgoglione16-feb-2017 9.38.57

Il mercato dell’e-commerce italiano trova terreno fertile nelle province più piccole d’Italia: più Verbania di Milano, più la Valle d’Aosta della Lombardia. Il settore degli acquisti online ogni anno cresce a due cifre, ma vale “solo” 20 miliardi di euro, poco più del 5% dei consumi totali degli italiani nel comparto retail. La distanza nei confronti delle nazioni come Germania e Gran Bretagna è siderale, e giustifica anche le potenzialità inesplorate del mercato e-commerce.

Ultimo post pubblicato

Infografica Digital Trasformation, i numeri dell’industria 4.0

Enrico Gorgoglione31-gen-2017 14.20.41

Il mercato globale è in costante evoluzione, e gran parte dei cambiamenti sono dovuti alla rivoluzione digitale. Secondo i dati dell’International Data Corporation, l’intelligenza artificiale e i sistemi automatizzati ideati per migliorare il lavoro hanno prodotto ricavi globali che si aggirerebbero attorno agli 8 miliardi di dollari. La trasformazione sta quindi gettando le basi di una nuova rivoluzione industriale, che darà vita all’industria 4.0. E secondo le previsioni, tale rivoluzione non si fermerà, portando gli introiti fino a 47 miliardi nel 2020. Un incremento esponenziale, rappresentabile graficamente come una parabola ascendente, che coinvolge praticamente ogni settore. Secondo la sensazione generale, il digitale ha avuto un impatto molto importante in ambito professionale, migliorando i processi e favorendo lo smart working.

Ultimo post pubblicato

Ve Faces: Gloria Invernizzi, Head of Agency Sales

Enrico Gorgoglione27-gen-2017 9.31.19

Ve Interactive è una multinazionale che si pone come obiettivo l’acquisizione di traffico veicolato, il coinvolgimento onsite e l’aumento delle conversioni. Ve è però innanzitutto composta da professionisti del settore. Ve Faces nasce con l’idea di far conoscere alla nostra audience Ve Interactive da un altro punto di vista. A rispondere alle nostre domande è Gloria Invernizzi, Head of Agency Sales:

Ultimo post pubblicato

Ve Faces: Francesca Superbo, Senior Account Manager e Team Leader

Enrico Gorgoglione27-gen-2017 9.31.01

Ve Interactive è una multinazionale che si pone come obiettivo l’acquisizione di traffico veicolato, il coinvolgimento onsite e l’aumento delle conversioni. Ve è però innanzitutto composta da professionisti del settore. Ve Faces nasce con l’idea di far conoscere alla nostra audience Ve Interactive da un altro punto di vista. A rispondere alle nostre domande è Francesca Superbo, Senior Account Manager e Team Leader